fbpx

Archivio annuale 2022

Etichettatura ambientali imballaggi: dal MiTe le linee guida ufficiali.

Etichettatura ambientale degli imballaggi: dopo la proroga a fine anno, ecco le preannunciate Linee Guida del Ministero della Transizione Ecologica.

Cos’è l’etichetta ambientale degli imballaggi?

La cosiddetta etichettatura ambientale degli imballaggi, è un set di informazioni obbligatorie che dovranno essere apposte sugli imballaggi dei prodotti immessi sul mercato allo scopo di guidare il consumatore finale nel conferimento in raccolta differenziata dell’imballo a fine vita.

L’obbligo è contenuto nell’art. 219, comma 5, del Testo Unico Ambientale, D. Lgs. n. 152/06:

“Tutti gli imballaggi devono essere opportunamente etichettati secondo le modalità stabilite dalle norme tecniche UNI applicabili e in conformità alle determinazioni adottate dalla Commissione dell’Unione europea, per facilitare la raccolta, il riutilizzo, il recupero ed il riciclaggio degli imballaggi, nonché per dare una corretta informazione ai consumatori sulle destinazioni finali degli imballaggi. I produttori hanno, altresì, l’obbligo di indicare, ai fini della identificazione e classificazione dell’imballaggio, la natura dei materiali di imballaggio utilizzati, sulla base della decisione 97/129/CE della Commissione.”

Le informazioni da apporre sugli imballi “industriali e domestici”.

Per gli imballaggi del settore “business to business” è previsto l’obbligo di indicare il materiale di cui è costituito l’imballo. Per gli imballaggi destinati al settore domestico (business to consumer) è prevista un’etichetta più completa che renda semplice al consumatore comprendere come differenziare i rifiuti di imballaggio: viene quindi apposta la sigla del materiale e l’indicazione di dove va conferito.

Cosa prevedono le linee guida?

Le Linee Guida Ministeriali sono utili nel guidare alla corretta interpretazione normativa e forniscono molte istruzioni dettagliate per costruire correttamente l’etichetta ambientale e quindi raggiungere  l’obiettivo della conformità alle previsioni di legge.

Si rifanno al lavoro svolto dal CONAI con le proprie linee guida.

La prossima scadenza

L’entrata in vigore dell’obbligo di etichettatura è stato più volte prorogato ed è attualmente fissato al 1 gennaio 2023

Cosa fare per essere in regola?

Per ogni dubbio interpretativo e per assistenza nell’applicazione di questo adempimento, contatta i nostri consulenti esperti.

Articolo pubblicato il 30 Marzo 2022

MUD: domande e risposte.

Il MUD è un adempimento che ci accompagna ormai da molti anni, ma anche ai più esperti può sorgere qualche dubbio circa le modalità di compilazione di questa dichiarazione che è divenuta nel tempo sempre più corposa e complessa.

Segnaliamo alcuni chiarimenti ufficiali, sotto forma di domanda e risposta, provenienti da Ecocamere (la società del sistema delle camera di commercio che si occupa di ricevere le comunicazioni MUD) e da parte di ISPRA – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale.

Vai alle FAQ sul MUD di Ecocamere.

Vai alle FAQ sul MUD di ISPRA.

Ancora dubbi? Bisogno di aiuto per il tuo MUD?

Gli esperti di Novatech offrono un importante servizio di compilazione e presentazione del MUD, comprensivo di un controllo accurato di tutta la documentazione (registri e formulari di trasporto). Contattaci.

Articolo pubblicato il 29 Marzo 2022

Norme pubblicate nel mese di febbraio

GAZZETTA UFFICIALE

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA TRANSIZIONE ECOLOGICA
DELIBERA 28 luglio 2021
Approvazione della proposta di Piano per la transizione ecologica, ai sensi dell’articolo 57-bis, comma 3 e seguenti, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152. (Delibera n. 1/2021).

MINISTERO DELLA TRANSIZIONE ECOLOGICA
DECRETO 28 dicembre 2021
Modifica del decreto 29 dicembre 2020, concernente il Programma nazionale di finanziamento degli interventi di bonifica e ripristino ambientale dei siti orfani.

MINISTERO DELLA TRANSIZIONE ECOLOGICA
DECRETO 14 dicembre 2021
Requisiti tecnici e certificazioni idonee ad attestare la natura ecosostenibile dei prodotti e degli imballaggi secondo la vigente normativa europea e nazionale.

MINISTERO DELLA TRANSIZIONE ECOLOGICA
COMUNICATO

 

MINISTERO DELLA TRANSIZIONE ECOLOGICA
DECRETO 28 dicembre 2021
Attuazione delle direttive delegate della Commissione europea (UE) 2021/1978, (UE) 2021/1979 e (UE) 2021/1980, dell’11 agosto 2021, di modifica dell’allegato IV del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 27, sulla restrizione di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (ROHS II).

LEGGE COSTITUZIONALE 11 febbraio 2022, n. 1
Modifiche agli articoli 9 e 41 della Costituzione in materia di tutela dell’ambiente.

Articolo pubblicato il 28 Febbraio 2022

Scadenze ambientali del mese di marzo

  • 20 marzo – CONAI  – Dichiarazione mensile (febbraio 2022) CONAI (mod. 6.1; 6.2; 6.10) – si ricorda che le dichiarazioni vanno obbligatoriamente effettuate mediante la procedura online
  • 31 marzo – CONAI  – forfetizzazione contributo per le etichette (mod. 6.14)
  • 31 marzo – CONAI  – forfetizzazione contributo imballaggi in sughero (mod. 6.17)
  • 31 marzo – CONAI  – procedura di dichiarazione del contributo per gli erogatori meccanici

Articolo pubblicato il 28 Febbraio 2022

CONAI: 500.000 euro per chi progetta imballaggi sostenibili.

Premi per 500.000 euro a disposizione delle aziende che hanno progettato in chiave di sostenibilità i loro imballaggi.
Giunge alla nona edizione il bando CONAI per l’ecodesign degli imballaggi.
Come partecipare?

Chi può partecipare al bando?

Potrai partecipare al concorso se la tua azienda nell’ultimo biennio (2020-2021) ha realizzato attività di prevenzione rivolte al settore imballaggi, agendo su almeno una delle leve indicate:

  • riutilizzo,
  • facilitazione delle attività di riciclo,
  • utilizzo di materie provenienti da riciclo,
  • risparmio di materia prima,
  • ottimizzazione della logistica,
  • semplificazione del sistema di imballo e ottimizzazione dei processi produttivi.

Al Bando potranno partecipare sia le evoluzioni di progetti di packaging, sia imballaggi nuovi per l’azienda che risultino avere un minore impatto ambientale rispetto agli imballaggi più frequentemente utilizzati per la medesima applicazione sul mercato italiano.

Come partecipare?

Per partecipare al bando bisogna utilizzare il form online disponibile sul sito  www.ecotoolconai.org – Area Bando.

Attraverso lo strumento Eco Tool CONAI verranno calcolati, con una sorta di analisi LCA (Life Cycle Assessment) semplificata, gli effetti delle azioni di prevenzione attuate sui propri imballaggi e quindi i  benefici ambientali in termini di risparmio energetico, idrico e di riduzione delle emissioni di CO2.

Gli esempi della scorsa edizione.

Se vuoi vedere i casi presentati nella scorsa edizione per comprendere meglio come funziona il concorso, ecco la lista delle aziende vincitrici e delle ulteriori aziende premiate nel Bando 2021: Graduatoria_Vincitori_Bando_CONAI_Ecodesign_2021

Leggi l’informativa completa di CONAI.

Articolo pubblicato il 28 Febbraio 2022

Economia circolare e credito d’imposta: chi può usufruire degli incentivi.

Le imprese che hanno effettuato nelle annualità 2019 e 2020 acquisti di prodotti ed imballaggi costituiti con materie prime derivanti da recupero, possono ottenere una agevolazione sotto forma di credito d’imposta.

In cosa consiste il credito d’imposta?

Si tratta di un incentivo alle imprese rientrante nel piano d’azione nazionale a sostegno dell’economia circolare e dell’efficientamento delle risorse.

Il contributo prevede un rimborso, sotto forma di credito d’imposta, pari al 36% delle spese sostenute nel 2019 e 2020 per l’acquisto di prodotti e di imballaggi di recupero, fino ad un importo massimo annuale di 20.000 euro per ogni impresa beneficiaria, nel limite complessivo di 1 milione di euro per ciascuna annualità.

Come ottenere il credito d’imposta?

Le istanze potranno essere presentate esclusivamente in forma elettronica, tramite la piattaforma informatica Invitalia PA Digitale a partire dal 21 febbraio 2022  fino al 22 aprile 2022.

Quali prodotti ed imballaggi rientrano nell’agevolazione?

I requisiti e le certificazioni idonee ad attestare le tipologie di prodotti e di imballaggi di recupero per l’ accesso all’agevolazione, nonché i criteri e le modalità per la fruizione del credito d’imposta, sono stati di recente definiti con il decreto del 14 dicembre 2021, pubblicato in Gazzetta ufficiale del 9 febbraio 2022, n. 33

Qui di seguito alcuni documenti utili:

 

Articolo pubblicato il 25 Febbraio 2022

La tutela dell’ambiente diventa principio costituzionale.

«La Repubblica tutela l’ambiente, la biodiversita’ e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni. La legge dello Stato disciplina i modi e le forme di tutela degli animali».

Articolo 9 della Costituzione della Repubblica Italiana”.

Una svolta epocale, come definita dal Ministro Cingolani, l’introduzione tra i principi della Costituzione della tutela dell’ambiente, della biodiversità e degli ecosistemi.

Tale modifica, di immediata entrata in vigore – essendo stata approvata con maggioranza qualificata da parte di entrambe le Camere non necessita di referendum confermativo – si affianca alla modifica dell’art. 41 che prevede che:

“L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla salute, all’ambiente, alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.”

Prima d’ora la carta costituzionale non conteneva un riferimento esplicito all’ambiente e alla sua tutela. Con questa riforma l’ambiente acquista una sua autonoma dignità tale da risultare un principio cardine da tutelare e preservare al pari di altri principi costituzionali quali la sicurezza, la dignità umana, la libertà.

Cosa cambia ora nel nostro ordinamento?

L’elevazione dell’ambiente a principio costituzionale implica dal lato pratico che da ora in poi non solo una legge contraria alla tutela dell’ambiente, della biodiversità, degli ecosistemi può essere dichiarata incostituzionale ma anche che la mancata legiferazione a favore di tali principi possa essere fatta valere in Parlamento e portata avanti.

La tutela intergenerazionale.

L’inserimento nel testo dell’art. 9 dell’interesse delle future generazioni ha un impatto innovativo rispetto a quanto accaduto finora. La nostra carta costituzionale, diversamente da quella di altri Paesi quali ad esempio la Germania,  non conteneva  finora una norma che garantisse il principio di tutela verso le generazioni future.

Un patto di solidarietà intergenerazionale che rende il nostro sistema costituzionale più moderno e completo.

Il riferimento alla tutela degli animali.

Altro precetto del tutto inedito ed innovativo è l’inserimento nel testo del principio di tutela degli animali.

In linea con quanto già previsto dalle istituzioni dell’UE, gli animali vengono elevati al rango di esseri senzienti e non di cose e sono meritevoli di tutela, nelle forme e nei modi stabiliti con legge dello Stato.

Articolo pubblicato il 25 Febbraio 2022

ADR: il nuovo accordo Multilaterale M343.

L’Italia ha sottoscritto in data 08/02/2022 l’Accordo Multilaterale M343 che permette di utilizzare imballaggi non omologati per adesivi, pitture e materie simili alle pitture, inchiostri da stampa e materie simili agli inchiostri da stampa e resine in soluzioni.

Tali prodotti sono classificati pericolosi per l’ambiente, con UN 3082 materia pericolosa per l’ambiente, liquida, n.a.s., gruppo di imballaggio III, a causa della presenza dei seguenti biocidi, da soli o in combinazione, in concentrazione ≥ 0,025 %:

  • 4,5-dichloro-2-octyl2H-isothiazol-3-one (DCOIT, CAS 64359-81-5)
  • octhilinone (OIT, CAS 26530-20-1);
  • zinc pyrithione (ZnPT, CAS 13463-41-7)

Queste merci pericolose possono essere trasportate in imballaggi di acciaio, di alluminio, altri metalli o di plastica non omologati, se trasportate in quantità ≤ 30 litri per imballaggio, nelle seguenti modalità:

  • in carichi pallettizzati, in pallet box o altre unità di carico, ad es. singoli imballaggi collocati o impilati e fissati mediante reggetta, termoretraibile o fascia elastica o altro mezzo idoneo a un pallet;
  • come imballaggi interni di imballaggi combinati con una massa netta massima dell’imballaggio combinato di 40 kg.

Tutte le altre pertinenti disposizioni dell’ADR devono essere applicate.

Il presente accordo è valido fino al 30 giugno 2023 per i trasporti nei territori dei Paesi contraenti dell’ADR, firmatari del presente accordo.

Dubbi sul trasporto i merci pericolose?

I nostri consulenti ADR sono a disposizione per aiutarti a risolverli.
Non rischiare, contattaci e viaggerei più sicuro.

Articolo pubblicato il 17 Febbraio 2022

Albo Nazionale Gestori Ambientali: aggiornate le prescrizioni nei provvedimenti di iscrizione.

L’Albo Nazionale Gestori Ambientali, a seguito delle varie modifiche normative intervenute nel tempo, ha rinnovato le prescrizioni contenute nei provvedimenti di iscrizione per tutte le categorie attive del medesimo Albo (1, 2-bis, 2-ter, 3-bis, 4, 4-bis, 5, 6, 8, 9, 10).

Le nuove prescrizioni aggiornate sono contenute in una delibera che contiene 12 allegati con le prescrizioni da considerare come sostitutive di quelle inserite negli attuali provvedimenti di iscrizione in vigore rilasciati in precedenza dalle sezioni regionali dell’Albo.

L’Albo provvederà anche ad inviare tale delibera a ciascuna impresa iscritta.

Cosa devo fare?

I nostri esperti consigliano alle imprese iscritte in una delle suddette categorie dell’Albo di dedicare un’attenta lettura e presa d’atto delle nuove prescrizioni che costituiranno parte integrante dei provvedimenti in vigore già rilasciati e futuri.

Si sottolineano, in particolare, due novità significative:

  • l’eliminazione dell’obbligo di conservare a bordo di ciascun mezzo copia cartacea del proprio provvedimento di iscrizione che può essere sostituito dalla copia in versione digitale, scaricabile dall’area riservata del sito dell’A.N.G.A., ed esibita in caso di controllo su strada o su richiesta dell’impianto di destinazione;
  • la possibilità di concordare con il produttore, in caso di non accettazione del rifiuto a destino,  una destinazione alternativa ad altro impianto (in modo da ottimizzare la logistica e i costi).

Deliberazione n. 3 del 07 febbraio 2022
Modifica alle prescrizioni dei provvedimenti d’iscrizione all’ Albo.

Articolo pubblicato il 16 Febbraio 2022

Facebook
LinkedIn