Notifica UFI delle miscele pericolose

L’art. 45 del Regolamento CLP n. 1272/2008/CE prevede l’obbligo per gli stati membri dell’Unione Europea di nominare uno o più Enti deputati a ricevere le notifiche relative alla composizione delle miscele pericolose immesse sul mercato.

Lo scopo è di creare, tramite le notifiche, un unico database a disposizione dei Centri Antiveleno per essere al corrente sulle formulazioni in circolazione sui mercati.

La notifica UFI (Unique Formula Identifier), è nata per l’esigenza di armonizzare negli stati dell’Unione Europea le informazioni utili per adottare misure di prevenzione e cura in caso di risposta ad un’emergenza sanitaria.

Le modalità di adempimento della notifica sono disciplinate dall’allegato VIII del Regolamento CLP (pubblicato nel Regolamento (UE) 2017/542).

La notifica UFI dovrà essere trasmessa da importatori o utilizzatori a valle, prima della commercializzazione, con riferimento alle miscele immesse sul mercato che sono classificate pericolose per i loro effetti sulla salute o per i loro effetti chimico/fisici.

La scadenza per inoltrare la notifica dipende dalla destinazione d’uso che verrà fatta della miscela:

  • 1 gennaio 2020, per l’uso da parte dei consumatori
  • 1 gennaio 2021, per l’uso professionale
  • 1 gennaio 2024, per l’uso industriale

Le miscele in precedenza già notificata all’Istituto Superiore di Sanità, dovranno essere notificate entro il 1 gennaio 2025, a meno che non subiscano variazioni come: il cambio di identificatore del prodotto, la modifica di classificazione o la modifica di composizione; in questo caso devono essere notificate entro le scadenze sopra scritte in dipendenza dell’uso.

Ad ogni miscela dovrà essere associato in modo univoco il codice UFI, che è un codice a barre di 16 caratteri, che dovrà essere posto sull’etichetta delle miscele soggette a notifica oppure sulla scheda di sicurezza per i prodotti non imballati.

La notifica è costituita da un dossier sulla miscela che dovrà  avvenire esclusivamente attraverso un format armonizzato chiamato Poison Center Notification Format (PCN Format) che deve essere trasmesso in formato XML mediante il software IUCLID  o attraverso il portale dell’ECHA.

Regolamento (UE) n. 2017/542

PINTEREST
LinkedIn