fbpx

Archivio mensile Maggio 2021

Plastic tax: rinvio al 2022 nel decreto sostegni-bis.

Il decreto sostegni-bis (D.L. 25 maggio 2021, n. 73), oltre a prevedere misure di sostegno destinate a varie categorie per effetto della pandemia in atto, prevede anche il rinvio della c.d. plastic tax,  che giunge ormai alla terza “falsa partenza”.

L’imposta sui manufatti in plastica monouso (MACSI) era tra le disposizioni contenute nella legge di bilancio 2020 (L. 27/12/ 2019, n. 160 – G.U. n. 304 del 30/12/19).

La plastic tax ha ad oggetto i prodotti costruiti con polimeri plastici destinati al contenimento, manipolazione, protezione o consegna di merci o prodotti alimentari.

In un periodo in cui il costo delle materie prime e la scarsità delle stesse sta colpendo tutti i settori produttivi, il provvedimento di rinvio giunge come benvenuto dal mondo industriale.

Dal MiTe alcuni chiarimenti sulla gestione rifiuti ed etichettatura imballaggi.

Dal suo insediamento il Ministero della Transizione Ecologica (in sigla MiTe) è stato molto attivo nella produzione di circolari applicative su diverse tematiche del settore ambientale.

Nel mese di maggio ha diffuso due circolari molto dense di contenuti che riportiamo in breve, rinviando ad attenta lettura.

Nota di chiarimento su gestione rifiuti e altro

Circolare del 14 maggio 2021 n. 51657 che fornisce numerose interpretazioni sugli articoli del D. Lgs. n. 152/06 come modificati dal D . Lgs. n. 116/2020, sulle seguenti tematiche:

  • pianificazione nazionale e regionale nella gestione dei rifiuti;
  • nuova definizione di rifiuti urbani (sulla quale si veda anche la precedente Circolare del 12 aprile 2021);
  • gestione di sfalci e potature;
  • deposito temporaneo dei rifiuti soggetti a responsabilità estesa del produttore;
  • nuovo registro cronologico rifiuti;
  • precisazioni su invio quarta copia formulario via PEC;
  • gestione della micro-raccolta dei rifiuti;
  • disposizioni sul deposito ed il trasporto dei rifiuti derivanti da assistenza sanitaria;
  • gestione dei rifiuti derivanti da “piccoli interventi edili”;
  • gestione dei rifiuti da fosse settiche non allacciate alla rete fognaria;
  • chiarimenti su alcune ipotesi di riduzione o di esclusione delle sanzioni amministrative applicabili in materia di tracciabilità dei rifiuti.

Nota applicativa su etichettatura ambientale imballaggi e rinvio al 1 gennaio 2022.

Circolare 17 maggio n.  44802 contenente ” Chiarimenti su alcune problematiche connesse
all’obbligatorietà dell’etichettatura ambientale degli imballaggi di cui all’art. 219, comma 5 del
decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.”.

Sull’etichettatura ambientale degli imballaggi è poi intervenuto il rinvio al 1 gennaio 2022 stabilito dal decreto sostegni-bis (D.L. 25 maggio 2021, n. 73).

 

Etichettatura ambientale imballaggi: chiarimenti e rinvio al 1 gennaio 2022.

Il Ministero della Transizione Ecologica, ha fornito in una nota interpretativa alcuni chiarimenti rispetto alle più frequenti questioni afferenti l’etichettatura ambientale degli imballaggi.

L’obbligo di etichettatura ambientale degli imballaggi.

Com’è noto, a partire dal 26 settembre 2020, per mezzo delle disposizione del D. Lgs. n. 116/2020 è stata resa obbligatoria l’apposizione di “simboli ambientali” agli imballaggi allo scopo di agevolarne la corretta destinazione finale all’atto della raccolta differenziata (vedi il nostro precedente articolo).

La disposizione contenuta nel suddetto testo di legge è piuttosto sintetica ed ha suscitato un’intesa attività interpretativa  che è stata svolta da CONAI attraverso la redazione di linee guida e di FAQ fornite dal Consorzio mediante il sito tematico etichetta-conai.com.

La circolare Ministeriale di charimento.

Con la  circolare 17 maggio n.  44802 contenente “Chiarimenti su alcune problematiche connesse
all’obbligatorietà dell’etichettatura ambientale degli imballaggi di cui all’art. 219, comma 5 del
decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.”, il MiTe  giunge a ratificare alcune delle questione già affrontate appunto da CONAI ad esempio sulla responsabilità dei soggetti della filiera degli imballaggi, sull’export e su altri aspetti tecnici legati all’etichettatura stessa.

Il rinvio a gennaio 2022 e la gestione delle scorte di magazzino.

Alla circolare è poi seguito il testo del c.d. decreto sostegni-bis (D.L. 25 maggio 2021, n. 73) che prevede un rinvio al 1 gennaio 2022 degli obblighi inerenti l’etichettatura in questione (sia per la parte legata alle indicazioni al consumatore – che era già stata oggetto di proroga con il c.d. “decreto milleproroghe” di fine 2020 – sia per la parte relativa al materiale di cui è costituito l’imballo).

Di fondamentale importanza il chiarimento fornito dalla circolare che prevede la possibilità di immettere sul mercato le scorte di magazzino non conformi alle nuove disposizioni: “i prodotti privi dei requisiti prescritti dall’art. 219, comma 5 e già immessi in commercio o etichettati al 1° gennaio 2022, potranno essere commercializzati fino ad esaurimento delle scorte.”

Norme pubblicate nel mese di maggio 2021

GAZZETTA UFFICIALE

DECRETO-LEGGE 25 maggio 2021, n. 73
Misure urgenti connesse all’emergenza da COVID-19, per le imprese, il lavoro, i giovani, la salute e i servizi territoriali.

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITA’ SOSTENIBILI
COMUNICATO
Adozione della delibera n. 2 del 6 maggio 2021, recante definizione dei requisiti in materia di certificazione di qualita’ delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di dettate deperibili, di rifiuti industriali e di prodotti farmaceutici.

MINISTERO DELLA TRANSIZIONE ECOLOGICA
DECRETO 12 maggio 2021
Modalita’ attuative delle disposizioni relative alla figura del mobility manager.

 

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

Scadenze ambientali di giugno 2021

  • 16 giugno – MUD 2020 – Dichiarazione annuale dei rifiuti speciali e altro (leggi la notizia)
  • 20 giugno – CONAI  – Dichiarazione mensile (maggio 2020) CONAI (mod. 6.1; 6.2; 6.10) – si ricorda che le dichiarazioni vanno obbligatoriamente effettuate mediante la procedura online

Altre scadenze  prorogate a causa emergenza COVID-19:

  • Proroga dei termini di validità delle iscrizioni all’A.N.G.A. fino al 29 ottobre 2021 (vedi articolo)

Mobility Manager: esteso l’obbligo di nomina sopra i 100 dipendenti.

Nel D. L. Rilancio è prevista la riduzione della soglia a 100 dipendenti per l’obbligo di nomina del mobility manager aziendale e di redazione del piano di mobilità casa-lavoro.
Le aziende devono essere situate in un capoluogo di Regione, in una Città metropolitana, in un capoluogo di Provincia o comunque in un Comune con popolazione superiore a 50.000 abitanti

Chi è il mobility manager e cosa fa?

La figura del mobility manager è stata introdotta nel nostro ordinamento nel 1998 con lo scopo di gestire i flussi di spostamenti dei dipendenti nelle tratte casa-lavoro-casa e contribuire così al contenimento e alla riduzione delle emissioni in atmosfera.

L’obbligo di nomina era previsto fino al 2019 per gli enti pubblici con più di 300 dipendenti e per le realtà produttive con almeno 800 unità di personale, e solamente in alcuni comuni identificati come a rischio inquinamento atmosferico.

Il compito principale di  questa figura professionale è di studiare ed adottare nella realtà aziendale o nell’ente pubblico  un Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL).
Il piano deve essere adottato entro il 31 dicembre di ogni anno e trasmesso al Comune di collocazione entro i successivi 15 giorni.

Si tratta di uno strumento di pianificazione per la razionalizzazione degli spostamenti del personale finalizzato a migliorare la raggiungibilità dei luoghi di lavoro e ottimizzare gli spostamenti dei propri dipendenti.

Le novità nel decreto Rilancio e la prima scadenza.

Con il recente Decreto Rilancio, la sua adozione obbligatoria è stata estesa a tutte le società con 100 o più dipendenti localizzati in comuni, capoluoghi di provincia e regione e città metropolitane con popolazione superiore a 50 mila abitanti.

Le nuove disposizioni entrano in vigore il 27 maggio 2021 e, in fase di prima applicazione, le aziende devono adottare il PSCL entro 180 giorni dalla sua entrata in vigore: entro il 23 novembre 2021.

 

MINISTERO DELLA TRANSIZIONE ECOLOGICA
DECRETO 12 maggio 2021
Modalita’ attuative delle disposizioni relative alla figura del mobility manager.

 

MUD 2020: ultima chiamata o quasi…

E’ in scadenza il 16 giugno la presentazione del MUD, la dichiarazione annuale dei rifiuti prodotti e gestiti dalle aziende.

Il MUD deve essere presentato alla CCIAA competente per territorio, attraverso le modalità messe a disposizione dalle società camerali (software per la compilazione e sito del MUD telematico).

Ricordiamo che in caso di ritardata presentazione avvenuta entro il termine di 60 giorni, è prevista l’irrogazione di una sanzione ridotta da € 26,00 a € 160,00; oltre tale termine la sanzione per la mancata o ritardata presentazione risulta da € 2.000,00 a € 10.000,00.

Per approfondire chi sono i soggetti obbligati e come Novatech può aiutarti in questa importante scadenza, non esitare a contattare i nostri uffici.

Albo Nazionale Gestori Ambientali: proroga provvedimenti di iscrizione.

A causa del protrarsi dell’emergenze epidemiologica legata da COVID-19, l’Albo Nazionale Gestori Ambientali con nuova circolare del 6 maggio 2021, è ulteriormente intervento sulla proroga di validità dei provvedimenti di iscrizione all’Albo stesso.

Dato il differimento dello stato di emergenza (con Decreto Legge 22 aprile 2021, n. 52) al 31 luglio 2021, ne consegue che i provvedimenti di iscrizione all’Albo in scadenza nel periodo dal 31 gennaio 2020 al 31 luglio 2021 conservano validità per ulteriori 90 giorni dalla cessazione dello stato di emergenza. Pertanto rimangono validi fino al 29 ottobre 2021.

Resta ferma la validità ed efficacia dei provvedimenti di rinnovo deliberati nel suddetto periodo.

Leggi la circolare 6 maggio 2021

 

Hai dubbi su qualche pratica o aspetto che regola l’iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali? Visita le pagine dei nostri servizi dedicati e contatta i nostri esperti

 

Facebook
LinkedIn