fbpx

SISTRI: ulteriori modifiche e chiarimenti in merito all’operatività e all’applicazione delle sanzioni

SISTRI: ulteriori modifiche e chiarimenti in merito all’operatività e all’applicazione delle sanzioni

A seguito della modifica dei termini di operatività apportati dall’art. 11 “Semplificazione e razionalizzazione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti e in materia di energia” del Decreto Legge 101/2013 convertito in legge con la Legge del 30 ottobre 2013 n. 125, il 31 ottobre 2013 è stata pubblicata la nuova Circolare esplicativa SISTRI che sostituisce la precedente del 1° ottobre 2013.

La legge di conversione ha introdotto alcune novità, tra cui:

  • ha precisato che tra i trasportatori obbligati rientrano anche i vettori stranieri che effettuano trasporti esclusivamente nel territorio nazionale o  che effettuano trasporti transfrontalieri dal territorio nazionale a stati esteri;
  • ha incluso i terminalisti e gli altri operatori della fase intermedia del trasporto intermodale, entro 60 giorni è prevista l’adozione di un decreto ministeriale che stabilisca le modalità di applicazione;
  • non sono soggetti al SISTRI i raccoglitori e i trasportatori di rifiuti urbani pericolosi, (esclusi quelli della regione Campania), sono soggetti, invece, i gestori di rifiuti urbani pericolosi.

Nella Circolare ministeriale vengono chiarite le modalità di coordinamento tra gli obblighi dei soggetti iscritti al SISTRI e gli obblighi dei soggetti non iscritti al SISTRI:

  • i produttori iniziali comunicano i propri dati, necessari per la compilazione della “Scheda SISTRI – AREA MOVIMENTAZIONE”, al delegato dell’impresa di trasporto che compila anche la sezione del produttore del rifiuto, inserendo le informazioni ricevute dal produttore stesso;
  • una copia della “Scheda SISTRI – AREA MOVIMENTAZIONE”, firmata dal produttore del rifiuto, viene consegnata al conducente del mezzo di trasporto;
  • una copia della “Scheda SISTRI – AREA MOVIMENTAZIONE” rimane presso il produttore del rifiuto, che è tenuto a conservarla per cinque anni;
  • il gestore dell’impianto di recupero o smaltimento dei rifiuti in tali ipotesi è tenuto a stampare e trasmettere al produttore dei rifiuti stessi la copia della Scheda SISTRI – AREA MOVIMENTAZIONE completa, al fine di attestare l’assolvimento dell’obbligo.

In caso di temporanea indisponibilità del sistema da parte del trasportatore, la compilazione della scheda di movimentazione (area trasportatore ed area produttore) è a cura del gestore dell’impianto, che potrà utilizzare le schede di movimentazione numerate su carta dal trasportatore, se disponibili.

Sanzioni dal 1° agosto 2014: proroga “sistema binario” SCHEDA SISTRI e FORMULARI

Per i primi dieci mesi di operatività del SISTRI, a decorrere dal 1° ottobre 2013 e pertanto fino al 1° agosto 2014, nei confronti dei soggetti obbligati ad aderire al SISTRI non trovano applicazione le sanzioni previste dagli articoli 260-bis e 260-ter, del d.lgs. 152/2006, relative agli adempimenti del SISTRI.

Circolare SISTRI n.1 del 31 ottobre 2013

Facebook
LinkedIn